Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Sul Piano casa vogliamo decidere noi”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

gen

2014

Mirano. Pavanello chiede alla Regione potere decisionale: così com’è contiene previsioni dannose

MIRANO – Maria Rosa Pavanello chiede alla Regione di rivedere il “Piano casa”: «Si lasci ai Comuni la possibilità di decidere». È stata la giunta comunale stessa a deliberare sul tema, martedì, dando mandato formale al sindaco di agire in tutte le sedi opportune per far ripristinare per il Comune il pieno potere di regolamentare lo sviluppo del proprio territorio. Mirano chiederà alla Regione la revisione del nuovo Piano casa, in particolare per quanto riguarda i centri storici.

Per la giunta di Mirano infatti: «Il piano attuale consente la realizzazione di interventi edilizi anche in deroga ai regolamenti urbanistici comunali e, diversamente da quanto disponevano i precedenti piani casa regionali, non contempla la facoltà per i Comuni di decidere con quali limiti applicare le misure del piano e adattarle alla propria realtà».

«Le competenze in materia di urbanistica e di assetto del territorio spettano ai Comuni», ricorda Pavanello, «quindi l’esclusione sancita da questo “Piano casa” è lesiva delle competenze degli enti locali».

Secondo il sindaco se tutto rimanesse com’è, le conseguenze potrebbero essere gravi. «Tali da destabilizzare le previsioni urbanistiche generali, create proprio per conferire uno sviluppo equilibrato del territorio. Potrebbe accadere che vengano privilegiate alcune destinazioni rispetto ad altre, introducendo differenze sulle possibilità di costruzione e ristrutturazione concesse ai privati. Inoltre c’è il rischio che la legge venga applicata senza considerare le differenti situazioni e necessità: in Veneto, ad esempio, ci sono ambienti montani, costieri e lagunari: sono realtà molto diverse tra loro, che necessitano di guide urbanistiche locali».

(f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui