Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il Movimento 5 Stelle chiede la revisione dello strumento

MARTELLAGO – Interpellanza su 186 aree censite come agricole: «Ma in realtà non lo sono»

I “grillini” denunciano «Il Pat è stato gonfiato»

Il Comune parte col piede giusto sul Piano Interventi, strumento che darà attuazione al nuovo Pat. “C’è parso opportuno, prima di redigerlo, sentire i desiderata dei soggetti interessati alla gestione delle possibili trasformazioni del territorio, cittadini, imprenditori, associazioni, in un’ottica di compartecipazione e concertazione” ha spiegato l’assessore Valerio Favaron, venerdì a Maerne alla presentazione del bando approvato dalla Giunta per la raccolta delle manifestazioni d’interesse per gli interventi da inserire nel Piano. Chiunque entro il 7 marzo potrà presentare proposte che però, come hanno chiarito Nadia Rossato, caposettore dell’Urbanistica comunale, e Alessandro Calzavara, del pool che realizzerà il Pi, dovranno essere coerenti, in primis con gli obiettivi delineati dal Pat. Tra i criteri di valutazione, oltre a qualità e fattibilità, spicca l’interesse pubblico della proposta: con il Pi si supera il vecchio Prg e si afferma la logica della perequazione, in base alla quale il Comune dovrà ricevere in cambio dal privato un corrispettivo in servizi, opere o danaro.

Sempre in tema, però, il Movimento 5 Stelle presenterà nel consiglio di giovedì una dura interpellanza in cui torna a denunciare il calcolo effettuato nel Pat della Superficie Agricola Utilizzata, che sarebbe stata gonfiata per disporre di più metri cubi trasformabili. I grillini hanno contato ben 186 aree censite come agricole “ma che non lo sono, e ciò ha contribuito a raddoppiare le possibilità edificatorie favorendo il processo di cementificazione del territorio, a scapito di uno sviluppo sostenibile” accusano. Di qui la richiesta di revisione del Pat da parte dei 5 Stelle che minacciano ricorsi all’autorità giudiziaria, e chiedono anche lumi sui “141mila euro di consulenze esterne spesi per avere un Pat sbagliato”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui