Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CHIOGGIA – Comitato promotore per il superamento del deficit strutturale del Clodiense: si va verso la presentazione dello studio di fattibilità della nuova ferrovia in direzione Padova. Lo scorso giovedì si è riunito il comitato promotore della Legge speciale regionale per Chioggia. L’incontro è stata un’occasione per fare il punto della situazione delle iniziative promosse dal comitato, che ha come caposaldo l’obiettivo di far partire i lavori della nuova ferrovia per Padova. Ed è proprio su questo studio, già realizzato da qualche anno, che focalizza la sua attenzione il comitato promotore.

«È essenziale», spiega l’avvocato Giuseppe Boscolo Giocahina, «presentare alla città, con l’ausilio dei tecnici progettisti e della Regione, lo studio di fattibilità della nuova ferrovia verso Padova e Venezia. È stato fissato con la direzione infrastrutture regionale per giovedì prossimo, un primo incontro con il nostro comitato per definire le modalità di presentazione alla cittadinanza, del progetto della ferrovia».

Durante l’incontro è stato annunciato che sono state raccolte già cinquecento firme a sostegno dell’iniziativa popolare. «Chiediamo a tutte le categorie economiche», conclude l’avvocato, «di unirsi al nostro impegno».

(a.var.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui