Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Treni in ritardo sulla Mestre-Adria

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

feb

2014

 

LA PROTESTA

CAMPONOGARA – Ancora ritardi e disagi negli ultimi giorni sulla linea Mestre Adria dopo le lamentele degli utenti. Di fronte a questa situazione Federconsumatori della Riviera del Brenta e del Miranese chiede a Sistemi Territoriali che per il periodo in cui ci sono i ritardi venga fatto uno sconto sui biglietti ed abbonamenti.

«Anche questa mattina – spiegano decine di pendolari della linea Mestre Adria alle fermate di Mira Buse e Oriago – i treni sono arrivati in ritardo anche di 30 – 40 minuti. La situazione peggiore si è verificata durante l’orario di punta cioè dalle 7 alle 8, ma anche verso le 9 i treni erano completamente sballati negli orari».

Si tratta di ritardi dovuti a dei lavori di manutenzione della linea necessari dopo piccoli franamenti causati dalle ingenti piogge delle scorse settimane. Essendo questa, una linea prevalentemente a binario unico, si creano continuamente rilevanti problemi di coordinamento dei tempi di transito dei convogli. I lavori in questione si stanno facendo nel tratto tra Adria e Piove di Sacco. Saranno conclusi, assicura Sistemi Territoriali, l’azienda che gestisce la linea, nel giro di una settimana dieci giorni al massimo. Sulla vicenda interviene anche Federconsunatori della Riviera del Brenta e del Miranese che non ci sta.

«Questi ritardi sistemici – spiega il referente di zona Alfeo Babato – dovrebbero essere risarciti. Non si possono fare continui aumenti del costo dei servizi di trasporto e quando il servizio funziona a metà far finta di nulla. Chiediamo per questo a Sistemi Territoriali di fare una riduzione di biglietti o abbonamenti e nel caso di tariffe già pagate rimborsare parzialmente la somma a causa del disservizio».

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui