Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Treni. Orario cadenzato, la Provincia media.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

feb

2014

FRA TRENITALIA, REGIONE E PENDOLARI

QUARTO D’ALTINO – Orario ferroviario cadenzato, la Provincia è pronta a sedersi a un tavolo che faccia riavviare il confronto tra Trenitalia, Regione e comitati pendolari. A annunciarlo è stata la presidente Francesca Zaccariotto. Legambiente e i comitati pendolari di Quarto d’Altino e del Veneto Orientale hanno inviato alla Provincia il documento sul trasporto pubblico locale presentato in occasione degli stati generali dei pendolari, tenutisi nelle settimane scorse.

«Purtroppo ogni innovazione porta disagi e scompensi iniziali. Va riconosciuto che ci sono tratte ferroviarie in cui il nuovo orario cadenzato ha portato grandi benefici, mentre in altre ci sono problemi ancora da risolvere», spiega Zaccariotto, «posso comprendere la difficoltà di armonizzare il tutto, dato che amministro un ente pubblico, e oggi il nemico peggiore con cui dobbiamo fare i conti è rappresentato dalla scarsità delle risorse finanziarie. La nostra Regione si trova di fronte a un problema, che anch’io più volte in ambiti diversi sono stata costretta ad evidenziare».

Zaccariotto spiega di aver apprezzato nel documento, in particolare, il richiamo al trasporto pubblico come parte integrante di una politica che punta alla tutela dell’ambiente, come sostenuto anche dalla Provincia con l’adesione al programma europeo 202020.

«Sono disponibile a un nuovo tavolo, che riavvii la discussione e il confronto con tutti i soggetti interessati, in primis con Regione, Trenitalia e i comitati dei pendolari, per cercare soluzioni concrete e praticabili in merito ai disagi di questi ultimi mesi», conclude Zaccariotto, «dobbiamo essere tutti propositivi, mettendo da parte ogni strumentalizzazione per guardare all’ interesse dei cittadini e non di chi cavalca la loro protesta».

Giovanni Monforte

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui