Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Treno sostitutivo piccolo, pendolari a terra.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

feb

2014

QUARTO D’ALTINO – Disagi ieri mattina in stazione a causa di un guasto

Pendolari a piedi perché i treni sostitutivi non riescono a contenerli. È quanto accaduto ieri a San Donà, Quarto d’Altino e nelle stazioni della tratta Portogruaro-Venezia. Il treno 11108 delle 7,01, che viaggiava con un ritardo di circa 10 minuti, è stato sostituito da due Minuetti, piccoli treni che contengono circa 200 persone ciascuno e di regola coprono la linea Portogruaro-Treviso. Il treno delle 7.01, assieme a quello delle 8.07, è uno dei più affollati, già a San Donà è difficile trovare posti a sedere, per cui parecchie persone rimaste a piedi e una volta arrivati a Quarto d’Altino alle 7.28 quasi nessuno degli utenti ha più potuto salire. A segnalare l’ennesimo disagio sono i Comitati dei Pendolari del Veneto Orientale e di Quarto d’Altino.

«Ci siamo stretti come sardine – conferma Silvia Lasfanti di San Donà – Un gesto di solidarietà tra pendolari. Dal finestrino avevo una visuale limitata ma ho notato oltre una decina di persone tra personale delle Ferrovie e studenti rimasti appiedati. In ognuna delle stazioni fino a Mestre anche per il capotreno scendere e risalire è stata un’odissea. Durante il viaggio nessun annuncio o comunicazione, solo in seguito si è saputo che la situazione era dovuta a un guasto al treno utilizzato di regola. Trovo inaccettabile la sordità dell’assessore regionale alla Mobilità Renato Chisso alle richieste delle Amministrazioni Comunali e dei Comitati. Allo stesso modo è inaccettabile il comportamento di Trenitalia che non ha avvertito l’utenza. Un annuncio costa poco. Si tratta dell’ennesima dimostrazione di quanto è fragile l’orario cadenzato per come progettato». Lasfanti ha reclamato anche sul sito di Trenitalia.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui