Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Treni. Gazzera, stazione in vista

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

4

mar

2014

METROPOLITANA DI SUPERFICIE – Non ci sono i fondi per rifare il sito di Porto Marghera

Chisso: «Sulla direttrice per Treviso le fermate Sfmr di ospedale e Marocco»

«Anche quella in Via Olimpia pronta entro l’inizio del 2015»

BINARI – La linea ferroviaria alla Gazzera e la stazione di Porto Marghera

L’ASSESSORE REGIONALE – Chisso: si lavora per risolvere i problemi

«Stiamo lavorando con Reti ferroviarie italiane per risolvere i problemi legati all’eccessiva vicinanza tra le stazioni di Marocco e Mestre Ospedale»

La stazione di Marocco della metropolitana di superficie (Sfmr) s’ha da fare e se ne parlerà meglio nella seconda metà di quest’anno, quando saranno disponibili i fondi Fas del Governo, destinati ad aree sottoutilizzate, già richiesti dalla Regione.

Così ha detto ieri l’assessore regionale alle Infrastrutture, Renato Chisso, di fronte alla Commissione trasporti del Comune. Il tema era proprio dipanare la matassa della stazione di cui, dopo tutte le modifiche apportate alla viabilità, non si sa ancora nulla di certo, se non le oltre mille firme raccolte dal Comitato Terraglio & dintorni per invocare maggiore sicurezza. Già, perché dopo l’eliminazione del passaggio a livello la sicurezza è diminuita, con la gente che attraversa i binari a piedi, come ha sottolineato il consigliere del Pd Emanuele Rosteghin.

«Stiamo lavorando con Reti ferroviarie italiane – ha detto Chisso – per risolvere i problemi legati all’eccessiva vicinanza che ci sarebbe con la stazione di Mestre Ospedale, ma contiamo di partire nel secondo semestre con l’arrivo dei fondi».

Il sistema ferroviario metropolitano sta nascendo in questi mesi con l’orario cadenzato dopo una gestazione durata un ventennio. A regime, con un treno ogni 10-15 minuti, a Mestre saranno toccate le stazioni (oltre a quella centrale) di via Olimpia e via Trezzo (Carpenedo) sulla linea Venezia-Trieste. Lungo la direttrice Venezia-Treviso ci saranno le stazioni Gazzera, Ospedale e Marocco.

Chisso ha aggiornato la tempistica per quanto riguarda i lavori alle stazioni Gazzera e via Olimpia: «Siamo riusciti a riprendere i lavori e, al massimo a gennaio o febbraio 2015, la stazione sarà operativa. Per quanto riguarda il passaggio a livello di via Selvanese, è stato messo giù lo “scatolare”, bisogna ora fare il by-pass e chiudere il passaggio. Aspettiamo anche per questo i soldi nel secondo semestre. Non ci sono fondi per rifare la stazione di Porto Marghera, pertanto faremo un abbellimento dell’esistente con ciò che riusciremo a recuperare dai ribassi d’asta».

La stazione di Carpenedo, invece, è in attesa di finanziamenti che, secondo Chisso, non saranno disponibili prima della primavera 2015.

«C’è lo spazio per ulteriori stazioni – ha aggiunto l’assessore regionale – ma secondo me è fondamentale andare avanti con queste realizzazioni. Il Comune, se vorrà, potrà progettare ulteriori fermate, si parlava ad esempio di via Don Sturzo o via Ca’ Solaro – bosco di Mestre, che si potrebbero fare con futuri finanziamenti. Ora è importante non rallentare un treno che è in corsa».

Due parole, infine sull’esercizio della Sfmr.

«Sono arrivati 18 dei 23 treni che la Regione ha ordinato – ha concluso – e in certe tratte c’è una corsa anche ogni 15 minuti. Una volta che tutti i convogli saranno entrati in servizio, dovremo però fare un serio ragionamento sull’integrazione gomma-rotaia».

Michele Fullin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui