Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Ogni giorno arrivano circa 1600 richieste

Al centro prenotazione dell’Asl 13 di Dolo e Mirano ridotti i tempi d’attesa per le visite. Ogni giorno arrivano circa 1.600 richieste di prenotazione di visite: oltre il 91% rispetta il codice di priorità. Grazie alla sinergia con i 180 medici di famiglia presenti nei comuni della Riviera e del Miranese e con i reparti ospedalieri di Dolo e Mirano, il Cup della 13 ha avviato un percorso di collaborazione per garantire la prenotazione degli esami nei tempi previsti dalla Regione.

«È nostro dovere garantire »il giusto tempo della salute” – ha sottolineato il direttore generale dell’Azienda sanitaria Gino Gumirato – un segno di civiltà e di attenzione verso i cittadini”.

In pratica le indicazioni regionali prevedono che nella codificazione della ricetta rossa, la «U» sta per Urgente e viene licenziata in giornata; la «B» sta per Breve e deve essere eseguita entro 10 giorni; la «D» significa Differibile (visite entro 30 giorni, prestazioni strumentali entro 60); infine la «P» per Programmabile (entro 180 giorni).

«Nell’ultimo anno – spiega Stefano Vianello, Cup manager e direttore del Distretto sociosanitario di Spinea – la percentuale delle prestazioni per cui è stata rispettata la priorità è passata dal 77,34% del primo trimestre 2013 al 91,71% del quarto trimestre. Se consideriamo tutto l’anno si possono misurare i progressi: le prescrizioni (25.165) con priorità »B” sono state evase entro una media di 7 giorni; le richieste (44.630) con priorità «D» entro 22 giorni; infine quelle «P» entro una quarantina di giorni”.

A testimoniare i progressi nel rispetto delle priorità c’è il numero di segnalazioni negative all’Urp che sono «più che dimezzate».

Particolare attenzione anche alla cosiddette «prime visite» per le quali l’Asl 13 sta lavorando su due fronti: con i medici di famiglia e con gli specialisti per valutare quesiti clinici e codici di priorità soprattutto per quanto riguarda alcuni reparti tra i quali il cardiologico, l’urologico e l’oculistico.

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui