Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

di don Enrico Torta – Parroco di Dese

Carissimo Padre Francesco, innanzitutto un grazie sincero per il suo forte impegno a riportarci tutti a confrontarci e seguire la vita di Gesù e la sua buona notizia per la felicità di tutti gli uomini. Prego anch’io per lei, come tanti, lo Spirito del Cristo risorto in questa necessaria operazione pastorale che, a mio avviso, ci riporta decisamente al secolo XII e a San Francesco del cui nome ha voluto rivestirsi.

Sono qui a Roma all’incontro del Mercoledì delle Ceneri con il gruppo denominato “Domenica no grazie Italia” rivolto ai supermercati che stanno soffocando con la loro “prepotenza” tante persone e piccoli artigiani.

Questo movimento, ospitato nella mia sala parrocchiale alcuni mesi fa per merito primo della signora Tiziana D’Andrea di Treviso, si è in poco tempo sviluppato in tutto il Nord-Est e di giorno in giorno, in tutta Italia, condiviso da tanti piccoli commercianti, da Amministrazioni Comunali e Regionali.

Tutti sottolineano il grave danno apportato innanzitutto alle relazioni familiari, dove non si vedono più gli sposi fra loro e i loro figli e alla perdita di tante risorse di lavoro schiacciate da questo potere, che monopolizza ormai tutti i settori del commercio alimentari e non.

Io, come sacerdote, sono tanto preoccupato, perché questa concezione neo-liberista, sempre più imperante sotto lo statuto pagano del dio-denaro come assoluto e fine della vita, sta riducendo tutti a produzione e consumo, ad essere inesorabilmente solo bulloni di un mostro che ci stritola e uccide.

Il denaro è uno strumento necessario per la vita comune, per guadagnarci il pane col sudore della fronte, ma non è il nostro Dio. È solo un mezzo e un mezzo etico di giustizia distributiva.

È umiliante, soprattutto il pomeriggio della Domenica, vedere famiglie intere andare su e giù per i supermercati come zombi, inebetiti da luci e vetrine.

Sono ben altri i punti di riferimento, affettivi, umani, di svago e culturali che la società civile dovrebbe proporre come èthos del vivere e come kairòs. È un paganesimo strisciante e veramente pericoloso, in cui, spesso inconsciamente, stiamo tutti slittando. Noi, per amore dell’uomo, sentiamo di dover difendere il diritto al riposo e alla “festa”, che per millenni ha guidato l’umanità. È, oltretutto, un valore antropologico – terapeutico per questa nostra nevrosi collettiva.

Ci sono mamme che non vedono quasi più i figli e sposi privati di una necessaria vita di coppia. Per noi, al centro, c’è la Santa Cena di Gesù, ma per tutti, il senso di una vita bella e buona e di obiettiva qualità.

Carissimo Padre, il neo – liberismo è un grave pericolo. Con la sua alta autorevolezza si impegni personalmente presso coloro che sono “servi” della vita comune (i politici seri e cristiani ) per arginare, per quanto possibile, questa deriva che ci sta fortemente impoverendo la qualità delle relazioni.

Tanti, ormai, nostri fratelli, schiacciati da pesi insopportabili e smarriti nella mente e nel cuore, si tolgono la vita. Forse è un omicidio di stato.

Nel ringraziarla di avermi almeno letto, le bacio le mani di amore e di pace.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui