Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

STRA. LA COMMISSIONE INDUSTRIA DEL SENATO IN VISITA ALL’ACRIB

STRA – Il distretto calzaturiero della Riviera del Brenta – 20 milioni di paia l’anno, con una quota export si attesa oltre il 90% – è stato selezionato come prima uscita pubblica della Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato, per presentare il disegno di legge 1061, ovvero la proposta di istituzione del marchio “Italian Quality”, per il rilancio del commercio estero e la tutela dei prodotti italiani, che presentano caratteristiche di eccellenza. La consultazione è stata avviata per conoscere le valutazioni degli operatori ed imprenditori interessati.

Gli ospiti i senatori Valeria Fedeli, vice Presidente del Senato e prima firmataria della proposta, e i colleghi Massimo Mucchetti e Gianni Pietro Girotto, hanno conosciuto una delle espressioni di eccellenza della manifattura ed industria della calzatura e moda italiana, sensibile alla valorizzazione, promozione e tutela dei prodotti caratterizzanti il Made in Italy.

Alla conclusione dei lavori, dopo aver visitato a Vigonza il Politecnico Calzaturiero, e un’azienda di altissima qualità, hanno espresso un lusinghiero giudizio.

«Il marchio “Italian Quality” – ha sottolineato Siro Badon, presidente dell’Acrib – darà un maggior valore aggiunto alle nostre calzature, conosciute come prodotti moda creativi, innovativi e di eccellente qualità, nell’attesa che venga definita dall’Unione Europea una regolamentazione comunitaria sull’etichettatura d’origine obbligatoria. Potrà, inoltre, diventare un elemento rafforzativo per l’intera filiera e per la qualità che curiamo quotidianamente in modo particolare. Sarà, infine, anche un fattore di garanzia e tutela per il consumatore finale».

Silvano Bressanin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui