Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

CONDANNATI ALL’ESTINZIONE

Telefonate di protesta al sindaco di Santa Giustina in Colle che apre alla possibilità di ridurre l’importo della sanzione

SANTA GIUSTINA IN COLLE – Tanta solidarietà dai colleghi e dal popolo del web al pastore transumante Matteo Froner, sanzionato dai vigili della Federazione del Camposampierese con 448,73 euro per aver violato l’ordinanza del Comune.

«Mi hanno chiamato alcuni colleghi» dice Froner «per il resto cerchiamo di stare un po’ in disparte e di non farci notare».

Froner con il suo gregge si trova nella zona di Noale, in aperta campagna. «Qui nessuno ci disturba perché nessuno ci vede» aggiunge.

Tre cittadini hanno invece telefonato in municipio a Santa Giustina in Colle chiedendo di parlare con il sindaco Federico Zanchin dopo aver letto il “Mattino” di ieri.

«Alla prima persona, una signora di Abano che sosteneva che la transumanza mantiene la cultura, ho risposto elegantemente spiegando le mie motivazioni» racconta il primo cittadino «ha mai avuto il giardino con 20 centimetri d’acqua con sopra animali che pestano e sporcano? Da noi succede, le ho detto. E incidenti a causa dell’attraversamento delle strade? Allora ha capito che non sono quell’anima nera che pensava».

Con gli agli altri due Zanchin non ha voluto intrattenere una conversazione, probabilmente per i toni tenuti.

Dice il consigliere comunale di minoranza Giulio Centenaro: «L’opportuno equilibrio sarebbe quello di tutelare la tradizione della “transumanza” nel rispetto del territorio e dell’ambiente. Di certo questi problemi non si risolvono imponendo clausole e orari di fatto impraticabili da parte dei pastori con i loro greggi. Ridicole sono le dichiarazioni del sindaco riferite alla possibilità di riduzione della multa: se non la ritiene corretta non doveva emettere un’ordinanza».

Un provvedimento che, a quanto pare, nel Camposampierese ha emesso solo Santa Giustina in Colle, oltre a San Giorgio in Bosco, nel Cittadellese. Dice che il transito in transumanza è permesso solo dalle 23 alle 6, che devono essere rispettate tutte le disposizioni di legge sulla circolazione degli animali, che i guardiani devono regolare il transito delle greggi i in modo che resti libera sulla sinistra almeno la metà della carreggiata. Il pascolo vagante, spiega l’ordinanza, crea ostacoli alla circolazione stradale, imbrattamento delle vie e danneggiamento con frane delle sponde dei canali e danni alla fauna. Froner è stato invece sorpreso a transitare alle 10.30 del mattino del 31 gennaio.

Giusy Andreoli

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui