Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO – Prende tempo Martellago sull’Unione dei Comuni. Dal municipio fanno sapere che non c’è alcuna volontà di lasciare passare questo treno, ma prima vogliono capire bene tutti i passaggi da fare, definire bene il progetto, che mira a unificare alcuni servizi come la polizia locale, i messi, la Protezione civile e alcuni settori come il sociale e i giovani. Al progetto stanno lavorando, Mirano, Martellago, Spinea, Salzano, Santa Maria di Sala e Noale, mentre Scorzè ha scelto di starsene in disparte e Pianiga guarda con interesse. Dopo la riunione di giovedì a Mirano dove Martellago aveva un po’ frenato, ieri in quest’ultimo comune si è tenuto l’ennesimo incontro fra i sei del Miranese, proprio per capire quali siano i dubbi e le perplessità della giunta di Monica Barbiero. Giunta che ha ancora confermato la volontà di intraprendere un cammino già iniziato nei mesi scorsi, e pure di aderire, ma vuole mettere la lente d’ingrandimento su alcuni aspetti, anche su quello economico. Nelle prossime settimane lo statuto sarà discusso nei vari consigli comunali ed entro giugno il progetto sarà sancito. Nel frattempo lo statuto dovrebbe arrivare nei vari Consigli.

(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui