Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Unione, nessuno sa niente”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

mar

2014

S. MARIA DI SALA – Il sindaco prende tempo sulla sinergia tra Comuni: «Voglio capire se ai cittadini costerà meno»

Opposizioni critiche: mancanza di informazione

Ormai manca poco, l’Unione del Miranese sta prendendo forma, Santa Maria di Sala ha partecipato a tutti gli incontri ad hoc ed entro fine mese lo statuto sarà discusso nei vari consigli comunali. Positivo? Negativo? C’è chi sostiene che l’Unione porterà grandi benefici e chi invece ancora naviga nella coltre di nebbia e non sa nemmeno di cosa si sta parlando. Come i salesi che di fronte alle parole “Unione dei Comuni” alzano le mani e restano sbigottiti.

«Qui a Santa Maria di Sala nessuno sa niente – dice Rossella Carolo (capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Consiglio comunale) – Il cittadino non è minimamente considerato e grave è il non aver minimamente indetto una serata per informare la cittadinanza e chiederne un parere».

D’accordo anche Giuseppe Rodighiero (Lista Civica), che sostiene: «Occorre far sapere ai cittadini cosa andiamo ad approvare illustrando loro quali sono i vantaggi e gli svantaggi dell’Unione magari attraverso una conferenza».

Paolo Bertoldo, ex sindaco, (Lista Salese) dice: «A mio avviso sarebbe importante capire che cosa si può effettivamente unire e poi eventualmente informare i cittadini, dicendo loro che l’Unione potrebbe garantire dei servizi migliori e più economici».

Vantaggi però che appaiono ancora non ancora chiari anche al sindaco Nicola Fragomeni: «Voglio sapere se effettivamente questa Unione mi costerà di meno. Se serve a creare delle sinergie e mettere insieme delle risorse con dei costi minori allora tutto ciò è positivo, altrimenti non lo è. È per questo che stiamo definendo le ultime cose. Anche stasera (martedì 11 marzo) ci sarà un incontro perché voglio capire bene se mi conviene. Dopo aver valutato alcune problematiche allora informeremo la cittadinanza, magari con una bella conferenza in sala teatro in Villa Farsetti. Questo però non prima di aver partorito il bimbo». Un parto insomma e un bimbo che stenta a nascere.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui