Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Si festeggia anche a Dolo e in Riviera del Brenta dopo la firma, da parte del ministro di giustizia Andrea Orlando, del decreto che dispone il mantenimento dell’ufficio del Giudice di Pace di Dolo.

«Siamo soddisfatti che il lavoro fatto in questi mesi sia stato accolto», spiega Michele Zatta, presidente della Camera degli Avvocati di Riviera e Miranese, «è stato il frutto di una collaborazione con gli enti locali e di una sensibilizzazione verso gli stessi enti che hanno compreso come, dopo aver perso il tribunale, bisognava necessariamente che un organo giurisdizionale rimanesse sul territorio. Questa decisione va a vantaggio dei legali ma soprattutto dei cittadini ».

Pensa già al lavoro da fare il sindaco di Dolo, Maddalena Gottardo, che per prima si era mobilitata per il mantenimento del servizio.

«È una grande notizia», esordisce il sindaco, «a riguardo ho già chiesto un incontro per lunedì con il giudice Tiziana Cristante. È ora di mettersi a fare le cose, dobbiamo risentire i nove comuni che avevano accettato di sostenere le spese per mantenere il servizio a Dolo. Penso ci sia ancora la possibilità per il comune di Mira di ripensarci e di rientrare».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui