Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ANCORA DISSERVIZI SULLA VENEZIA-TRIESTE

QUARTO D’ALTINO – Dopo il caos degli autobus sostitutivi notturni, ancora disagi per i pendolari della linea Venezia-Trieste.
Ieri mattina, alla stazione di Quarto d’Altino, a causa di un guasto alla locomotrice, i pendolari hanno atteso per trenta minuti il treno delle 10.55 per Venezia.
Ma se un guasto può capitare, a farli arrabbiare è stato il ritardo con cui hanno ricevuto l’annuncio dello slittamento del convoglio, una situazione che ha costretto molti di loro a tornare a casa per prendere la propria automobile.
«Solo dopo un quarto d’ora ci hanno avvisato che il treno aveva un guasto e che era fermo a Fossalta di Piave – racconta Luciano Ferro, portavoce del comitato pendolari di Quarto d’Altino -. Mentre correvo nel sottopasso per andare a casa a prendere la mia auto, mi sono accorto che il display dava trenta minuti di ritardo. Con me c’era una cinquantina di persone e molti, come me, dovevano andare al lavoro. L’abbonamento alle ferrovie non serve a nulla perché spesso siamo costretti ad altre soluzioni inaspettate».

(m.fus.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui