Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SPINEA – Le ruspe sono arrivate nei giorni scorsi, gli operai sono già al lavoro. È partito il grande intervento di caratterizzazione all’ex discarica di via Luneo, al confine tra Mirano e Spinea. A occuparsi del progetto, in quella vasta zona compresa tra le abitazioni di campagna e il fiume Rio Cimetto, è Veritas. Il via libera era arrivato a settembre 2012, ora finalmente si parte.

L’obiettivo è definire l’estensione, la profondità e le caratteristiche della contaminazione indotta dai rifiuti nel sottosuolo, nelle acque sotterranee e in quelle superficiali. A questa prima fase di analisi seguirà poi ovviamente una bonifica vera e propria del sito, chiesta a gran voce dai residenti di Spinea. Innanzitutto operai e tecnici specializzati lavoreranno per verificare la tipologia dei rifiuti stoccati nell’ex cava, saranno scavate trincee esplorative di un metro e mezzo per prelevare campioni di materiale nel sottosuolo, da far poi analizzare in laboratorio. Il secondo passo sarà analizzare nel dettaglio i campioni di terreno prelevati nelle aree esterne ma limitrofe all’ex cava, lo stesso accadrà in prossimità degli argini del Rio Cimetto.

I lavori, partiti questa settimana, avranno una durata di 90 giorni. La notizia si è diffusa rapidamente tra i residenti del quartiere di Luneo, che da anni chiedono la messa in sicurezza del sito ma non solo: la gente di Spinea vuol conoscere la verità sui presunti danni alla salute provocati da quei rifiuti solidi urbani. La questione è molto sentita: nell’ultimo decennio sono stati colpiti da tumore alcuni cittadini che da ragazzi andavano a giocare proprio in quella cava. Gli studi epidemiologici non hanno mai evidenziato una correlazione certa tra quelle morti e la presenza della discarica, ma negli anni molti residenti hanno alimentato sospetti e forti timori. «Tra poco finalmente capiremo cos’è presente qui sotto – ha spiegato Stefania Busatta, assessore all’Ambiente di Spinea – In base ai risultati delle analisi, decideremo poi quali azioni intraprendere».

G.Pip.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui