Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Appello alla Regione dai Comuni attraversati dallo scolo Altipiano, i progetti sono rallentati

PIOVE DI SACCO. I sindaci dei Comuni attraversati dallo scolo Altipiano hanno inviato una lettera alla Regione per sollecitare l’approvazione degli ultimi progetti per i lavori di ricalibratura del canale e soprattutto per accorciare i tempi di rimborso degli investimenti anticipati dal Consorzio di bonifica Bacchiglione.

È stato proprio il Consorzio, attraverso il presidente Eugenio Zaggia, a chiedere ai sindaci di fare fronte unito: diversamente si rischia un ritardo nel completamento dei lavori, circostanza che potrebbe mettere a rischio la sicurezza idraulica del territorio.

Oltre alla ricalibratura dello scolo Altipiano, il progetto complessivo comprende la realizzazione di una nuova idrovora a Conche di Codevigo, ma anche questa, senza nuovi finanziamenti, può essere costruita solo in parte, ottenendo una portata di cinque metri cubi d’acqua al secondo invece degli undici previsti e necessari a scongiurare esondazioni ed allagamenti.

«Il notevole beneficio per il territorio conseguente alla realizzazione degli interventi», scrivono i sindaci di Piove di Sacco, Arzergrande, Bovolenta, Brugine, Polverara, Pontelongo, Correzzola e Codevigo, «rischia di essere vanificato o ritardato: dal momento che il Consorzio vanta crediti per otto milioni di euro dalla Regione, premessa irrinunciabile per l’avanzamento degli interventi è il rimborso da parte della Regione delle somme anticipate dal Consorzio in tempi certi e accettabili (ad esempio quattro mesi mentre di anno in anno si dilatano sempre di più superando ormai i 12 mesi).

Viceversa il Consorzio di bonifica si troverà costretto, suo malgrado, a programmare gli interventi, rimodulandoli e suddividendoli in stralci funzionali, per contenere l’esposizione finanziaria entro una soglia compatibile con il bilancio dell’ente. Inoltre deve essere completato il finanziamento della nuova idrovora di Conche».

Elena Livieri

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui