Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Dopo l’avvio dell’allagamento della tura alla bocca di porto di Chioggia, partirà domani da Trieste, e arriverà mercoledì al cantiere di Malamocco, la seconda porta della conca di navigazione. Questa seconda porta arriverà a destinazione a circa un mese di distanza dalla prima, che è approdata a Venezia lo scorso 27 febbraio. Ora potrà avere inizio la fase più delicata del progetto: l’installazione delle due porte, una lato mare e l’altra lato laguna. Installazioni che avverranno nei primi giorni di aprile per la porta lato mare e tra il 22 e il 29 aprile per l’altra porta.

Le dimensioni di ogni porta sono: 51,3 metri di lunghezza; 6,75 metri di larghezza e 15,55 metri di altezza. La profondità della conca è di 13,5 metri, così come il canale di Malamocco. Una volta installate entrambe le porte saranno effettuate le prove di chiusura per tutto il mese di maggio, in modo da essere operativi già a giugno. La conca sarà, infatti, utilizzata dalle navi anche durante la posa dei cassoni di alloggiamento delle paratoie nel canale di Malamocco.

La conca di Malamocco, secondo il cronoprogramma stabilito, sarà completata intorno alla fine del mese di maggio, mentre il varo del primo cassone di alloggiamento di questa barriera – come anche alla bocca di porto di Chioggia – è programmato per la prima metà di giugno.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui