Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO  «É giunta l’ora di pensare ai servizi di tutta la cittadinanza, anche di quella della Riviera del Brenta». Questo è il pensiero del comitato Bruno Marcato che ha distribuito un volantino per chiedere una mobilitazione per la salvaguardia dell’ospedale di Dolo. Il comitato approfondisce il tema dell’atto aziendale dell’Asl 13.

«Abbiamo appreso che l’atto aziendale dovrà essere valutato dall’apposita commissione consiliare regionale », si legge, «chiediamo al Pd, come agli altri partiti che hanno votato contro le schede ospedaliere, di essere coerenti anche con l’atto. Va fermata qualsiasi riorganizzazione dell’Asl prima che non siano state modificate le schede ospedaliere che riguardano il nosocomio di Dolo ed emanate quelle territoriali».

Un appello anche alle forze politiche locali. «Lo chiediamo ai partiti locali che si stanno lamentando per ciò che sta succedendo all’ospedale di Dolo», proseguono, «abbiano il coraggio di dire le stesse cose anche in sede regionale, lo facciano tutti assieme in maniera trasversale. Speriamo anche nei sindaci a parte il presidente della Conferenza dei Sindaci, Fabio Livieri che continua a dire che va bene così».

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui