Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Conegliano. Incubo pesticidi: appello al vescovo

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

31

mar

2014

CONEGLIANO – Sindaci e Procura hanno già archiviato le denunce, l’ultima carta è una lettera alla Curia

Famiglia assediata dai vigneti di Prosecco Docg: «Respiriamo veleni e nessuno ci ascolta»

CONEGLIANO – Assediati da vigneti di Prosecco Docg e fitofarmaci, inascoltati da Comune e Procura a cui si sono già rivolti, con l’incubo di nuovi trattamenti stagionali che cominceranno fra pochi giorni, scrivono al vescovo Corrado Pizziolo chiedendogli di intercedere per sanare una situazione ormai insostenibile.
Fabio Padovan, Sandra Scopel e i loro tre bambini abitano a Collalbrigo, immersi nella natura. In una natura tossica però.

«Siamo disperati -scrivono nella missiva indirizzata alla Curia Vescovile di Vittorio Veneto- sia come genitori che come cittadini. Tra pochi giorni inizieranno i trattamenti con i fitofarmaci nelle nostre terre. Noi abbiamo la sfortuna di vivere proprio in mezzo ai vigneti, tutti Prosecco Docg e facciamo parte di un Comitato che da alcuni anni cerca di convincere i viticoltori ad adottare metodologie rispettose dell’ambiente e della salute. Ci siamo rivolti anche a sindaci e amministratori. Tutto inutile: con vari espedienti i viticoltori continuano a usare pericolosissimi pesticidi, classificati come molto tossici».

La famiglia scende nel dettaglio: «Eccellenza, pensi che sulle istruzioni dei sacchi che contengono questi fitofarmaci viene imposto agli operai di non entrare nei campi trattati per almeno 5 giorni. E noi che invece abitiamo a ridosso, dobbiamo vivere con l’incubo che i nostri tre bambini di 7, 9 e 12 anni giochino sul cortile dove è appena piovuta la nube sparata dal viticoltore. Lo scorso anno abbiamo fatto analizzare i nostri ortaggi e il laboratorio ha riscontrato residui di pericolosi fitofarmaci come i temutissimi Cloropyrifos, Mancozeb, Metalaxil e altri. Dovevamo buttare via tutto perché, soprattutto il Cloropyrifos, ha effetti devastanti come interferente endocrino, proprio sui bambini. Allora abbiamo fatto una denuncia alla Procura della Repubblica di Treviso, ma proprio in questi giorni la Procura ha chiesto l’archiviazione perché i responsabili sarebbero ignoti. Ma non le conseguenze, che sono invece ben note. Fra poco ricomincerà il nostro incubo. Lo scorso anno quasi ogni giorno dovevamo chiudere in gran fretta le finestre e talvolta partircene in auto fino alla sera. Ma così non si può vivere».

Infine l’appello: «Per amor di Dio, le chiediamo a cuore aperto: faccia qualcosa lei, perché non sappiamo più a chi rivolgere la nostra supplica. Sarebbe un fortissimo esempio. Le siamo grati per quanto potrà fare».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui