Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO – Aprono i cantieri per riparare i danni provocati dalle piogge dell’autunno e dell’inverno. In questi giorni, il consorzio Acque risorgive sistemerà gli argini del fiume Dese, tra Martellago e Scorzè, laddove ci sono i mulini Fabris, Vidali e Cosma, noti anche con i nomi di Orso Bianco, Ca’ Nove e Pavanetto. Infatti le precipitazioni dei mesi scorsi hanno creato molte frane e cedimenti. L’importo dei lavori è di un milione e 300 mila euro. Inoltre saranno costruiti dei by-pass per ricreare una sezione idraulica equivalente a quella a monte degli stessi mulini.

«In questo modo», spiega il direttore del consorzio Carlo Bendoricchio, «sarà possibile far transitare la stessa portata, riducendo le eventuali esondazioni che, oltre a creare disagio alle aree limitrofe, aumentano la sofferenza dei collettori minori. Spesso questi, durante la piena, fungono daunica rete di drenaggio».

Il progetto prevede anche di togliere alcuni punti critici come le curve interrate, realizzare dei punti di ispezione presidiati con chiusini a tenuta idraulica, sostituire delle paratoie per adeguarle ai nuovi manufatti.

(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui