Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO – Unione dei comuni del Miranese, scendono in campo anche i sindacati. Le segreterie provinciali della Funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil, hanno inviato ieri una richiesta di incontro ai sindaci di Martellago, Mirano, Noale, Santa Maria di Sala, Salzano e Spinea, per discutere dei problemi riguardanti l’aggregazione comunale che coinvolgono in particolare i dipendenti.

«Chiediamo che entro la prima metà di aprile», scrivono i delegati di Cgil Fp, Marco Busato, Cisl Fp, Simone Naletto e Walter Bisutti e Uil Fpl, Mario Ragno, «si fissi un incontro congiunto con la parte politico- amministrativa per affrontare la problematica della costituenda “Unione dei Comuni del Miranese”, come abbozzata nell’atto costitutivo e preventivamente discussa in sede di Consiglio comunale».

Da qualche tempo i malumori dei dipendenti comunali, soprattutto quelli coinvolti dalla condivisione delle funzioni che confluiranno nell’Unione, hanno avanzato richieste di chiarimenti in particolare riguardo il trattamento economico, le posizioni e le prospettive di carriera. Adesso si muovono i delegati sindacali, per capire cosa avverrà una volta che l’Unione dei comuni sarà operativa.

Intanto l’iter procede tra mille ostacoli nei parlamentini locali: ieri sera è stata la volta di Spinea, il maggiore dei comuni coinvolti, che tra meno di due mesi sarà anche chiamato al voto.

(f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui