Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Il comitato rivierasco che si occupa dei temi dell’ospedale di Dolo “Bruno Marcato” attacca frontalmente la direzione dell’azienda sanitaria. «Il direttore Gumirato», spiega in una nota il comitato, «ci vuole “vendere” qualcosa che è invendibile anche a chi non capisce nulla di sanità. È l’unico direttore generale di Asl che si è inventato “una divisione tra area medica e area chirurgica” ed è stato lui a sostenere tale progetto nelle schede ospedaliere, con molti dubbi anche da parte della Regione. Basta leggere le sue osservazioni alle schede ospedaliere presentate in Regione, per verificare che la sua proposta è molto più spinta e penalizzante per Dolo di quanto non lo fosse stata quella della Regione». «Quello che diventa inaccettabile, però, è il fatto che Gumirato lo stia facendo prevedendo costi più elevati, e la razionalizzazione da lui ipotizzata avvenga solamente con i tagli a Dolo che è riferimento in un bacino di 130.000 abitanti qual è la Riviera del Brenta». Il comitato rincara la dose: «È vero che l’ospedale di Dolo non verrà chiuso, ma anziché rimanere l’attuale ospedale con gli attuali servizi, diverrà una medicina più ampia con una lungodegenza, mantenendo i servizi poliambulatoriali e diagnostici attuali. I cittadini devono sapere che per tutti gli altri servizi dovranno rivolgersi altrove, inutile nascondere la verità. È giusta e più economica questa scelta? Noi riteniamo di no, lo abbiamo dimostrato con le cifre e con i dati, Gumirato ha scelto un’altra strada». Sulla riorganizzazione della sanità è preoccupato anche il Pd mirese che con il segretario Albino Pesce ha convocato per questa settimana una riunione urgente del partito soprattutto sulla vicenda della permanenza del distretto sanitario a Mira.

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui