Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Dolo. Torna a rischio il giudice di Pace

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

apr

2014

DOLO – Gottardo: «Spesa considerevole per i Comuni»

DOLO – Il mantenimento del Giudice di pace a Dolo torna ad essere a rischio. Il sindaco Maddalena Gottardo spiega perché: «Ogni ragionamento definitivo in ordine al mantenimento dell’Ufficio del Giudice di Pace nei locali di piazzetta degli Storti è subordinato a due condizioni. La prima è la pubblicazione, in Gazzetta Ufficiale, del decreto ministeriale che confermi la permanenza della sede. La seconda deriva dalla valutazione finale che la Conferenza dei Sindaci della Riviera del Brenta formulerà a riguardo giovedì 17 aprile, basata sulle spese che saranno da assumere a carico delle amministrazioni locali». La conferma, infatti, obbliga il totale accollo della spesa (personale direttamente assegnato dai Comuni, utenze, arredi, cancelleria, manutenzione dell’immobile) a carico dei dieci Comuni del mandamento. Si tratta di una spesa complessiva stimata in non meno di 150mila euro l’anno per una nuova funzione che in qualche misura verrebbe traslata dallo Stato agli enti locali. Il sindaco «Lo scorso anno la mia amministrazione espresse la volontà di mantenere la sede del Giudice di Pace per garantire il minor disagio possibile a quanti, in Riviera, avessero bisogno di rivolgersi a questo servizio. Nel corso 2013 sono state in tutto 102 le sentenze pronunciate dal giudice e di interesse dell’intero territorio del mandamento, circa 130.000 abitanti. Ora si rende necessaria una nuova valutazione». Gottardo evidenzia: «Per mantenere il Giudice di Pace i Comuni interessati dovrebbero farsi carico di una quota di spesa elevata per bilanci già risicatissimi e, soprattutto, privarsi di risorse di personale proprie da trasferire all’ufficio giudiziario, non sostituibili tuttavia con nuovi innesti nelle proprie dotazione».

Lino Perini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui