Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

NUOVA VALSUGANA – Amministratori bassanesi e trentini contro il nuovo progetto

«Piuttosto rilanciamo la ferrovia»

Bassanese, Valbrenta e Trentino uniti per dire no alla Nuova Valsugana. Una proposta scaturita in occasione dell’incontro sulla viabilità organizzato dal circolo Pd della Bassa Valsugana e Tesino, che ha riunito a Borgo Valsugana amministratori trentini e veneti. Tra gli altri, presente la vicesegretaria nazionale Pd Debora Serracchiani, l’eurodeputato Andrea Zanoni, il candidato sindaco di Bassano Riccardo Poletto, il consigliere regionale veneto Stefano Fracasso, Marco Vanzo e Giampaolo Bergamin del Pd del Canale di Brenta e Bassano, sindaci e amministratori trentini, il senatore Giorgio Tonini, assessori e consiglieri provinciali. Tra le varie iniziative, un sollecito al governo a seguire una linea coerente con la proposta del corridoio 1 (che vede nell’interporto di Isola della Scala, Verona, lo snodo di collegamento con l’Europa), disincentivando scelte contrastanti, come la Superstrada della Valsugana Castelfranco-Cismon del Grappa, «un progetto autostradale, che prevede tra l’altro 12 km di traforo sotto il Monte Grappa – ricordano i trentini – bocciato anche dalla delegazione veneta e contro il quale nei giorni scorsi sono state depositate 6.000 firme al Parlamento Europeo. Non corrisponde alle esigenze della popolazione: ha l’unico scopo di favorire i privati impegnati nel project financing, riversando decine di migliaia di veicoli in Trentino». I circoli del Pd della Valsugana, Tesino e Feltre da mesi si stanno mobilitando per proporre un’alleanza sovra-regionale per salvaguardare il territorio e proporre un piano per la mobilità nel rispetto della Convenzione delle Alpi, il rilancio della ferrovia e del trasporto pubblico, in contrapposizione al mega progetto della Superstrada Valsugana, e allo stato attuale delle linee ferroviarie Trento-Bassano-Venezia e Padova-Calalzo. Nella consapevolezza che territori deboli sul piano del ?pesò politico, possono diventare un interlocutore autorevole con un gioco di squadra, l’idea dei trentini, quindi, è quella di coinvolgere nel progetto, oltre al Feltrino, anche Montebelluna, Belluno, la Valbrenta e Bassano del Grappa.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui