Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Scontro verbale al Salone nautico tra Masiero (Slow Lagoon) e l’assessore regionale

CHIOGGIA – Duro scontro verbale al Salone nautico tra Marino Masiero, presidente di Slow Lagoon, e l’assessore regionale alla mobilità, Renato Chisso, sullo sbarramento sul Brenta. L’occasione di un faccia a faccia fuori programma è arrivata durante la conferenza dei 16 comuni del Veneto Orientale che, con Jesolo capofila, hanno presentato il progetto di sviluppo del turismolento. Lo sbarramento anticuneo salino è ormai da sei anni oggetto di battaglia delle sei darsene, rappresentate da Masiero, che ritengono di dover chiudere la loro attività per gli impedimenti che l’opera creerà alla navigazione. A luglio il Consiglio regionale ha chiesto alla giunta di esprimersi su alcuni punti per dissolvere o avvalorare i dubbi dei titolari delle darsene. «Doveva rispondere in 60 giorni», spiega Masiero, «Sono passati 10 mesi e tutto tace. Abbiamo il diritto di sapere di che morte dobbiamo morire. La Regione ha speso 30 milioni di euro a nord della Provincia per agevolare il turismo nautico e a sud utilizza i fondi del Ministero dell’agricoltura per stroncarlo». Chisso ha invitato Masieroa rivolgersi agli assessori Maurizio Conte e Franco Manzato (della Lega ndr). «Inutile venire al salone nautico, fare propaganda e scaricare il barile», incalza Masiero, «Chisso ci ha detto che in Regione ci sono tante parrocchie e di rivolgerci ad altri. Posizione pilatesca che non va bene per chi è responsabile politico della commissione Via (valutazione di impatto ambientale) che ha approvato il progetto senza nemmeno un’analisi dei costi- benefici». L’ultima stoccata Masiero la riserva al sindaco. «Caro Giuseppe », spiega, «credo che siamo rimasti fregati entrambi, pur in posizione diverse».

(e.b.a.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui