Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Longarone. Nella prima uscita del comitato “Si-Reg” i dimostranti se la prendono con Trenitalia e anche coi politici veneti «che sbraitano, ma poi non fanno niente»

LONGARONE. Prima uscita ufficiale del comitato “Si-Reg per il passaggio a nordest” con un volantinaggio davanti a Longarone Fiere in occasione della mostra “Il treno delle Dolomiti”. Il gruppo, composto da cittadini e movimenti trasversali, si pone l’obiettivo immediato di riaprire la tratta ferroviaria fino a Longarone e nel lungo termine valorizzare il trasporto su rotaia bellunese in ottica transfrontaliera.

«La prima cosa che chiediamo – dice Max Fiabane, uno dei portavoce del comitato – è la riapertura immediata della tratta fino a Longarone per dare un segnale concreto che non si vuole abbandonare la linea. La scorsa settimana siamo stati a Mestre ad un incontro con i pendolari e la Regione ci ha detto che per ragioni di sicurezza questo non si può fare, perché i treni non possono stare fermi in stazione a Longarone. Allora noi abbiamo ribattuto che si possono mettere dei treni navetta che vanno avanti e indietro, permettendo di agevolare le coincidenze con Padova e Venezia, perché la soluzione del bus sostitutivo va sempre in direzione di un trasporto su gomma che è l’antitesi della politica ferroviaria».

In futuro poi secondo il gruppo è necessario non abbassare la guardia su una tratta che molti vorrebbero dismettere: «Ci dicono – continua Fiabane – che i lavori di manutenzione finiranno a fine luglio e allora si riaprirà finalmente la via fino a Calalzo. La realtà è che qualcuno vorrebbe chiudere tutto e forse ci saranno ulteriori rinvii. Noi invece chiediamo un rilancio, ovvero la prosecuzione della tratta fino a Cortina e Dobbiaco per colmare la lacuna del Veneto che non ha un ingresso verso l’Europa, operazione che si potrà fare solo su rotaia. Altrimenti il destino che ci attende è l’abbandono del territorio, come dimostrato dal costante spopolamento della nostra provincia».

Sul banco degli imputati per il Comitato c’è non solo Trenitalia ma anche gli amministratori regionali: «La colpa di tutto – conclude Fiabane – non è solo imputabile a Trenitalia (che paradossalmente gestisce tramite alcune società delle tratte tedesche con grandissima efficienza) ma anche alla Regione e a tutta la politica: sia quelli che sono nelle stanze dei bottoni sia che coloro che non fanno opposizione o si limitano a strillare nelle piazze. In Regione dicono che è anche un problema economico, ma allora come è possibile che in Veneto ci sono progetti, una specie di “libro dei sogni”, per centinaia di chilometri di strade e superstrade previste da nord a sud con una spesa enorme? Allora i soldi ci sono e qui torniamo ancora una volta alla responsabilità e alle scelte della politica. A livello locale non vogliamo fare polemiche con nessuno ma avere la massima collaborazione con tutti».

Enrico De Col

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui