Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Fiesso. Si’ al Pati tra le polemiche.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

15

apr

2014

FIESSO. Il Consiglio comunale ha adottato il Pati (piano assetto territoriale intercomunale) tra Fiesso e Dolo. L’approvazione è avvenuta con i voti della maggioranza mentre i gruppi di opposizione, che avevano chiesto il rinvio dell’approvazione, si sono espressi in maniera contraria. All’incontro ha partecipato anche l’assessore provinciale Mario Dalla Tor che ha tracciato i programmi della Provincia in materia urbanistica.

Dopo l’adozione, in attesa di quella di Dolo, si passerà alla fase delle osservazioni e degli emendamenti che saranno valutati dalla conferenza dei servizi composta da Fiesso e Dolo e dalla Provincia. Durante il consiglio è intervenuto l’architetto Daniele Rallo che ha presentato il Pati che prevede un ambito verde lungo il Naviglio, l’ambito della residenzialità e mobilità sostenibile, un ambito cosiddetto della produzione e delle infrastrutture, un altro chiamato percorsi, piazze e servizi e uno per la valorizzazione della campagna e del territorio agricolo. Critiche le opposizioni con Alberto Discardi (Fiesso Comune) che ha chiesto il ritiro degli 85 mila metri cubi di ulteriore possibilità edificatoria e ha sostenuto che ci doveva essere una maggiore sinergia tra Fiesso e Dolo e più condivisione con i cittadini. Marisa Biasibetti (Fiesso In Comune) ha invece ribadito che la messa in sicurezza idraulica del territorio deve essere la priorità.

(g.pir)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui