Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ASSEMBLEA A SAN LEONARDO

Un libro bianco sulle grandi navi pronto entro un mese, e comprensivo dell’analisi di Pm10 e micropolveri eseguita il 28 aprile da un gruppo di ambientalisti stranieri. Oltre alla ripresa delle mobilitazioni, con l’organizzazione di una giornata «o di festa o di blocco» non oltre giugno, e le richieste al sindaco Giorgio Orsoni di emettere un’ordinanza di divieto e al ministero dell’Ambiente di un’analisi comparata ed estesa alle valutazioni e agli studi d’impatto ambientale dei progetti Contorta Sant’Angelo, retro Giudecca, Porto Marghera, De Piccoli, Fabbri, Claut e Vittadini. Queste le novità emerse dall’assemblea dei No grandi navi svoltasi ieri a San Leonardo. «Questi mostri vanno portati fuori dalla laguna, oltre il Mose – ha ribadito a un centinaio di persone Cristiano Gasparetto, confermando la preferenza del Comitato verso i progetti legati alle bocca di porto del Lido e bocciando ogni ricorso alla legge obiettivo – La Marittima invece può restare home port per le navi medio-piccole e gli yacht, l’assistenza e il rimessaggio. Ciò comporterebbe la tutela di investimenti e occupazione, nuove prospettive di lavoro e due scali anziché uno».
«Due anni di battaglie hanno portato il tema all’attenzione del mondo – ha aggiunto Tommaso Cacciari – Il dover pagare oltre 66mila euro di multe non ci fermerà. Anzi, dobbiamo riunirci in più luoghi e tornare a manifestare. I divieti cassati dal Tar? Basati sul nulla, ma un oggettivo passo indietro. Nel merito, il sindaco ha l’obbligo di disporre un’ordinanza. Ma se non lo farà, a metterla in pratica saremo noi, con la mobilitazione».

(vmc)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui