Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

QUESTION TIME ALLA CAMERA – Il sottosegretario risponde a Mognato (Pd): «Collegamento lungo la bretella autostradale»

Addio tunnel in gronda lagunare, il collegamento ferroviario ad alta velocità con l’aeroporto Marco Polo avverrà in parallelo con la bretella aeroportuale di Dese. La conferma è arrivata ieri al deputato veneziano del Pd Michele Mognato dal sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Umberto Del Basso De Caro, rispondendo alla sua interpellanza al question time. «È stato confermato il contenuto dell’incontro con i presidenti del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, relativamente all’ abbandono del tracciato litoraneo e alla predisposizione di un nuovo progetto in sostanziale affiancamento alla linea ferroviaria storica Venezia-Trieste », spiega Mognato. Presto, ha detto il sottosegretario, arriverà lo studio di fattibilità e il progetto preliminare da sottoporre al Ministero dell’ambiente per la valutazione di impatto ambientale. Rfi, invece, sta lavorando per velocizzare l’ammodernamento tecnologico della linea attuale con una velocità fino a 200 chilometri orari e un costo stimato di 1,8 miliardi di euro. «Le risorse, questo è l’impegno di De Caro», spiega da Roma il deputato, «saranno assicurate. Per quanto riguarda invece il collegamento ferroviario con l’aeroporto », continua il deputato, «il sottosegretario ha precisato che sono state indicate alcune priorità a Rete Ferroviaria Italia, tra cui il collegamento con l’aeroporto secondo lo schema di progetto a suo tempo approvato dal Cipe». Altre priorità il ripristino della linea dei Bivi (per dividere il traffico passeggeri dal merci) e la soluzione del Bivio San Polo a Portogruaro. Con questa impostazione, per il sottosegretario, è possibile una velocizzazione del progetto intervenendo per stralci e «varianti di tracciato in corrispondenza delle parti più limitative, al fine di ottenere in tempi più ragionevoli significativi abbattimenti dei tempi di percorrenza». Mognato commenta: «Mi auguro che questo metta fine ad altre ipotesi e si passi così immediatamente alla sua realizzazione attesa da troppi anni. Ma parziale è stata la risposta circa la copertura finanziaria per la velocizzazione, in quanto non si è specificato il capitolo dei finanziamenti ».

(m.ch.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui