Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Le Frecce portano via sei intercity

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

apr

2014

Da giugno c’è il rischio che vengano sostituti. La Cgil: bisogna salvare quei treni

Addio ai sei treni intercity, sui lunghi tragitti si viaggerà solo con le «Frecce» di Trenitalia? Pare proprio di sì. La svolta è nell’aria da tempo e dovrebbe maturare con l’orario estivo per reggere la concorrenza con Italo-Ntv, il cui debutto non ha dato i risultati economici sperati. Nessuno la vuole confermare perché i contraccolpi per gli utenti sono pesanti in termine di tariffe: dai manager arrivano solo smentite. A sollevare l’interrogativo sono stati i sindacati di categoria pronti ad azioni di protesta per salvare gli intercity che transitano a Nordest. Per mettere fine alle polemiche l’ufficio comunicazione di TrenItalia, con sede a Trieste, ha diffuso una nota per tranquillizzare gli utenti: non cambia nulla. In realtà sono 6 i treni Ic giornalieri (3 all’andata e 3 al ritorno) che collegano località come Conegliano, Treviso, Portogruaro, San Donà, Venezia, Mestre, Padova e Rovigo con Bologna, Firenze, Arezzo, Orvieto, Orte e Roma. Come è scritto nella medesima nota, la sorte degli Ic è legata ai risultati di uno studio commissionato dal ministero dei Trasporti cui compete l’ultima parola, in accordo con le Fs e le Regioni interessate: gli intercity hanno prodotto un deficit di 30 milioni perché i prezzi dei biglietti sono troppo bassi. Per garantire ulteriore efficienza TrenItalia intende aumentare i collegamenti con le Frecce Argento che sono molto più veloci ma costano di più. Un esempio per tutti: Padova-Roma Termini in Freccia rossa costa 75 euro e dopo 3 ore e 10 minuti si arriva nelal capitale. Con gli Ic invece si spendono 47,50 euro e il tempo di percorrenza si allunga di due ore: 5 e non 3. I treni a rischio con la prenotazione sempre obbligatoria, sono quelli che da Padova partono alle 0.45 e da Treviso e da Mestre alle 23.14 e 0.21 (arrivo a Roma alle 6.35); alle 9.45 (arrivo alle 15.20) e alle 15.32 (arrivo alle 20.42). L’Intercity delle 9.45 che parte da Trieste alle 7.21 passa anche da Portogruaro (8.32), San Donà e Mestre (9.29). Quello delle 15.32 parte da Trieste alle 13.01 e passa per Portogruaro, San Donà e Mestre, rispettivamente, alle 14.01, 14.19 e 15.14. Gli altri 3 Ic, ossia, quelli del ritorno da Roma, partono da Padova alle 4.50, via Mestre, Treviso, Udine e Trieste, alle 16.02 e alle 21.02(arrivo a Trieste 23.21). La Filt- Cgil è sul piede di guerra. «Gli Intercity vanno potenziati, non aboliti» dice Ilario Simonaggio, «Mauro Moretti (ora nominato ad di Finmeccanica) non può privilegiare solo le Frecce Rosse, Argento e Bianche. Gli Ic hanno una clientela che non può essere abbandonata».

FelicePaduano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui