Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Biennale e Vogalonga, minaccia No Navi

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

apr

2014

Minaccia No Navi sulla Biennale

AMBIENTE & LAGUNA – Il Comitato pianifica un mese di iniziative, il culmine con Architettura

Mobilitazione l’8 giugno, si parla di azioni di blocco

I No grandi navi hanno deciso: una giornata di protesta e di blocco «con modalità tutte da definire» domenica 8 giugno, in coincidenza con la Vogalonga e l’apertura della Biennale Architettura (e con possibilità di anticipare ed estendere la mobilitazione a sabato 7). E fino a quella data, incontri, volantinaggi, flash mob e conferenze stampa di sensibilizzazione. A cominciare da quella convocata alle 10 del 28 aprile a Ca’ Loredan, per illustrare i risultati dell’indagine condotta da ambientalisti stranieri su Pm10 e micro-polveri.
Questa la volontà delle oltre 100 persone che ieri hanno partecipato all’assemblea del Comitato organizzata in un’aula della sede universitaria di San Sebastiano. Proponendo di tutto e di più: dalla nazionalizzazione e internazionalizzazione della protesta fino a un nuovo tuffo collettivo nel canale della Giudecca e al blocco dei cancelli all’imbarco del Porto, passando per il coinvolgimento di campioni, attori, cantanti, remiere e gruppi sportivi, workshop di aquiloni e persino la simulazione in miniatura degli effetti del passaggio delle grandi navi in bacino San Marco, in preparazione per il 2 giugno a Mestre nella vasca di piazza Ferretto.
«Dall’incontro di San Leonardo la situazione anziché migliorare è peggiorata – hanno detto Marco Baravalle e Tommaso Cacciari – Dobbiamo tentare in tutti i modi di tenere alta l’attenzione sul tema e coinvolgere il maggior numero possibile di persone. A Roma la lobby del Porto ha premuto sul Governo per un’accelerazione a favore della Marittima, da mantenere come punto d’arrivo, lasciando in pista solo il Contorta Sant’Angelo e la tangenziale dietro la Giudecca. Non possiamo accettare i soprusi della politica di palazzo».
La linea dura «per riprendersi la parola e l’iniziativa» è stata sostenuta anche da Luciano Mazzolin di Ambiente Venezia, secondo cui «l’8 giugno va sfruttato in tutte le sue occasioni. Nel frattempo, il premier Renzi rinvii la riunione programmata a Roma. In caso contrario, dovremo rispondere anche a lui, e ricordargli che le 12mila 500 firme da noi raccolte contro le grandi navi non possono essere ignorate».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui