Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Conferenza dei sindaci ieri a Mira

MIRA – Ammonta a 14 milioni e 231 mila euro il bilancio sociale dell’Asl 13 che è stato spiegato ieri pomeriggio all’assemblea dei sindaci dei 17 Comuni del comprensorio dal direttore generale Gino Gumirato e dal presidente della conferenza Fabio Livieri. Di questi 14 milioni di euro destinati alla parte sociale sei milioni e 906 mila euro sono la quota a carico dei comuni dell’area. «Fra le voci più rilevanti del bilancio sociale dell’azienda sanitaria» spiega il presidente Fabio Livieri «c’è quella collegata all’area della disabilità per la quale sono stati destinati ben 5 milioni e 450 mila euro. Un milione e 145 mila euro invece sono stati destinati ai problemi collegati a minori e famiglie mentre 630 mila euro sono stati destinati per la salute mentale». La restante parte del bilancio sociale è collegata alla gestione di servizi ospedalieri. Ci sono anche delle novità. «Grazie alla collaborazione reciproca » spiega Livieri «con i Piani di zona siamo riusciti a individuare due progetti-percorsi da 80 mila euro ciascuno, destinati all’area della disabilità non legata a strutture protette o centri diurni. Si cercherà così di dare il massimo aiuto alle famiglie anche al di fuori delle consuete strutture preposte ad accogliere i disabili». Il direttore dell’Asl 13 ha poi illustrato ai sindaci, con l’ausilio di alcune diapositive, i costi collegati alla riorganizzazione prevista dei reparti negli ospedali di Dolo, Mirano e Noale, ribadendo quali sono le opere possibili con i fondi a disposizione dell’Asl 13.

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui