Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Dieci Comuni nello stesso collegio”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

11

mag

2014

PROPOSTA ELETTORALE DEL PD

FOSSÒ – I dieci Comuni della Riviera vanno inseriti nello stesso collegio elettorale per creare un’unica rappresentanza politica e amministrativa per la tutela e il rilancio del territorio. Questo è “Dieci comuni, una città”, progetto promosso dai circoli rivieraschi del Pd, presentato ieri in una conferenza stampa alla presenza del segretario provinciale Marco Stradiotto e dell’onorevole Alessandro Naccarato. I circoli del Pd, assieme ai sindaci e ai capigruppo consiliari, hanno inviato un documento a Matteo Renzi e agli onorevoli Pd del territorio per sostenere il progetto che, oltre alla circoscrizione unica, vuole gettare la basi per la futura “Città della Riviera del Brenta” e per una rappresentanza unitaria all’interno della Città Metropolitana. «Il confronto sui temi che riguardano lo sviluppo dell’ area», si legge nel documento, «ha fatto emergere la necessità che il territorio sia dotato di una struttura politica unitaria e identificabile in grado di rappresentare in maniera significativa e autorevole i molteplici interessi che riguardano opere infrastrutturali, servizi sociosanitari, l’unione e la fusione dei comuni e, più in generale, il futuro economico, sociale, turistico e infrastrutturale del nostro territorio che mostra evidenti peculiarità derivanti anche, ma non solo, dalla propria centrale collocazione tra le province di Padova e Venezia. Per questo ci rivolgiamo ai nostri rappresentanti nelle più alte istituzioni affinché si rendano promotori della necessità che i dieci Comuni, che oggi identificano geograficamente il territorio della Riviera del Brenta, rimangano uniti e non subiscano alcuna frammentazione ».

Giacomo Piran

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui