Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mirano. Il nuovo Mariutto pronto nel 2015.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

mag

2014

MIRANO – Via alla gara d’appalto per i lavori del padiglione che ospiterà 90 posti

La casa di riposo costerà 6 milioni: l’obiettivo è quello di aprire il cantiere ad ottobre

Il progetto è pronto e ora sono stati depositati anche gli atti ufficiali. Il CdA del Mariutto ha indetto la gara europea per aggiudicare i lavori relativi al nuovo grande padiglione da 90 posti, inizia dunque a prendere forma l’attesa ristrutturazione della storica casa di riposo miranese. La base d’asta è di 5.1 milioni di euro, i lavori dovrebbero durare non più di dieci mesi. Con la cessione di un appezzamento agricolo a Scaltenigo, nei mesi scorsi il Mariutto ha trovato i fondi necessari per dare il via ad un ammodernamento di cui si parla da anni. A febbraio il terreno è stato venduto a tre agricoltori miranesi per una somma da oltre due milioni di euro. Risorse importanti che vanno ad aggiungersi a tre milioni di finanziamento regionale e ad un milione di avanzo d’amministrazione del Mariutto: ecco come sono spuntati i sei milioni per il nuovo padiglione. «La struttura avrà tre piani con 90 posti complessivi – dichiara il presidente del Mariutto, Vincenzo Rossi -. In questi mesi tutti gli ospiti continueranno a stare negli attuali padiglioni, quando il nuovo edificio sarà pronto procederemo con l’abbattimento del padiglione Ortensia, che risale agli anni Sessanta e conta la metà dei posti rispetto a quello che andremo a realizzare». Dal punto di vista logistico il nuovo padiglione sarà sempre nello stesso complesso di via Miranese, a pochi passi dall’ospedale di Mirano, leggermente arretrato rispetto all’edificio attuale. In realtà il progetto è più ampio e prevede sia il restauro del padiglione Magnolia sia un importante adeguamento del Fontana, edificio dei primi del Novecento sottoposto a vincolo storico. In questo caso servirebbero altri sei milioni di euro: soldi freschi potrebbero arrivare da altri terreni in vendita a Mirano, Santa Maria di Sala e Musile di Piave. Ma ora l’attenzione è tutta sul nuovo padiglione: le offerte vanno presentate entro il 5 agosto, l’obiettivo è quello di aprire il cantiere in autunno per poi inaugurare il nuovo padiglione dopo l’estate 2015.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui