Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

S. MARIA DI SALA – Parte da Santa Maria di Sala la battaglia del sindaco Nicola Fragomeni contro Veritas e il Comune di Venezia. Una lotta per far sì che i comuni di Riviera e Miranese abbiano lo stesso trattamento da parte della società che si occupa della raccolta dei rifiuti.
«Non è possibile per noi piccoli Comuni avere un adeguamento indice Istat al 4,79% e poi venire a sapere che il Comune di Venezia, che è socio di maggioranza di Veritas al 50,1%, invece ha il 2,2% – ha accusato Fragomeni (in foto) durante l’ultimo consiglio comunale – I soldi devono essere equamente distribuiti se siamo tutti soci di una Spa. Lotteremo per far sì che la ghigliottina arrivi dove debba arrivare perché non è possibile far ricadere i problemi del Comune di Venezia nell’entroterra». Il sindaco – che già aveva provveduto a contattare, per via epistolare, i sindaci degli altri comuni limitrofi per sapere se anche a loro era giunto un così alto adeguamento indice Istat – si dichiara pronto ad andare fino in fondo. A interessare il comune salese, però, c’è anche il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti che a partire dal 1. luglio entrerà nelle case dei cittadini. Questo nuovo sistema prevede un numero minimo e un numero massimo di conferimenti per ogni nucleo familiare e per ogni svuotamento in più ci sarà un importo di 0,70 centesimi da pagare. I conferimenti di cui ogni famiglia potrà usufruire sono prestabiliti: 94 se i componenti del nucleo familiare sono due, 115 se sono tre, 130 se sono quattro, 156 se sono cinque e 172 se sono sei. Per chi sfora ci sarà il pagamento dell’importo suddetto.
Parecchie sono le osservazioni emerse nell’ultimo Consiglio. «Molti utilizzeranno in modo improprio questo sistema – ha detto il capogruppo di Civica Insieme (Giuseppe Rodighiero – inoltre chi effettuerà i dovuti controlli?» Perplesso il consigliere Primo Bertoldo (Lista Salese): «C’è il rischio che andando a stravolgere il sistema anche i salesi portino fuori del territorio comunale i propri rifiuti».

Serenella Bettin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui