Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il direttore dell’asl 13 Gumirato

MIRA – Il distretto sanitario di Mira potrà essere spostato ad Oriago da Villa Lenzi dove si trova ora a Mira Taglio, a patto che siano rispettate precise indicazioni. Certamente non potrà essere spezzato in due tra Mira e Oriago. A spiegarlo è il direttore generale dell’Asl13, Gino Gumirato, dopo un incontro con il sindaco, Alvise Maniero: «Nell’ultima Conferenza dei sindaci dell’Asl 13», premette Gumirato, «l’accordo unanime sulla sede del distretto di Mira era quello di aspettare la verifica dell’iscrizione al fondo di rotazione regionale di 2,5 milioni di euro. In caso la verifica fosse stata negativa per il quarto anno di fila il sindaco avrebbe presentato un eventuale nuovo progetto. La verifica dell’ iscrizione al fondo è stata negativa. Il sindaco per ora ipotizza di presentare alla Conferenza dei sindaci un nuovo progetto ». Che ad oggi non esiste. «In questo momento non c’è alcun nuovo progetto presentato da Mira alla Conferenza», dice il direttore generale. Il sindaco sta lavorando, fa capire l’Asl 13, ad un nuovo progetto, sul quale in assenza di un pronunciamento della stessa Conferenza, può solo esprimere alcune valutazioni di massima. Gumirato entra nel dettaglio: «Il nuovo distretto dovrà avere una dimensione di almeno 800 – 1.000 metri quadri. Potrà anche essere previsto ad Oriago, i pochi chilometri di distanza da Mira non avrebbero particolari controindicazioni per la popolazione di riferimento. Dovrà essere dotato di un’area parcheggio idonea e di collegamenti adeguati». Gumirato boccia in tronco l’ipotesi avanzata dalla stessa amministrazione mirese qualche giorno fa: «Non è assolutamente consigliabile e prevedibile un distretto suddiviso in due sedi, metà ad Oriago metà a Mira». Perentorio l’invito finale a Maniero: «I tempi delle decisioni non possono dilungarsi ancora molto».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui