Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Dolo. Difensore civico. Attacco alla sindaca.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

8

giu

2014

IL CASO. Esposto del consigliere Stefano Uva sulla mancata nomina a capogruppo

LE REAZIONI – Le opposizioni sul piede di guerra: «Deve dimettersi immediatamente»

LE CRITICHE «Ha preso ogni decisione calpestando le minoranze»

I CONSIGLIERI «Si è distinta per l’arroganza del potere fine a se stesso»

«Eccesso di potere»: Gottardo nei guai

Secondo il Difensore civico regionale il sindaco di Dolo avrebbe violato il regolamento comunale

“Eccesso di potere”. È questo ciò che è al vaglio del Difensore Civico nei confronti della sindaco dolese Maddalena Gottardo e della sua maggioranza. Nello specifico ipotizza che vi sia stata una «violazione della regolamentazione comunale per eccesso di potere», nel corso degli ultimi mesi di attività consiliare. Tutto è partito da un esposto del consigliere di minoranza Stefano Uva, che aveva segnalato le, a suo dire, palesi e reiterate violazioni perpetuate dalla prima cittadina Gottardo in qualità di Presidente del Consiglio comunale nei confronti dei gruppi di minoranza interpretando, in maniera illegittima, il regolamento del Comune di Dolo. Tanto che lo stesso difensore civico ha ribadito come al tempo allo stesso Uva dovessero essere riconosciuti i diritti di “capogruppo” del Gruppo Misto.
«È un fatto inaudito – sbottano lungo i corridoi del municipio i consiglieri della lista “Per Dolo cuore della Riviera” – in nome del quale chiediamo al Sindaco, che è anche Presidente del Consiglio comunale, di dimettersi immediatamente». E attaccano: «Fin dal suo insediamento, l’arroganza del potere fine a se stesso e il mancato rispetto del principio della democraticità rappresentativa hanno caratterizzato la sua condotta. Dalla militarizzazione del municipio per far approvare Veneto City, alla costante chiusura di ogni possibile confronto con tutto il consiglio comunale. Ogni decisione è stata presa con disprezzo e calpestando il ruolo e la funzione dei consiglieri comunali, in particolare quelli di minoranza che, è bene ricordarlo, hanno sempre rappresentano la maggioranza degli elettori dolesi».
Non lesinando critiche sul Pat: «L’ultima violenza che il sindaco Gottardo sta perpetuando è sul territorio con l’adozione di un piano urbanistico scellerato, che risponde ad un unico principio: cementificare a tutti i costi. Uno scempio al nostro ambiente e al futuro delle giovani generazioni. Tutta l’opposizione è coesa per bloccare questo piano urbanistico. Ed anche nell’ultimo consiglio, infatti, le è stato impedito di approvare questo provvedimento».
Dal canto suo l’ufficio del Difensore Civico regionale, con una lettera ufficiale, ha chiesto “a breve” un riscontro sulla missiva inviata e di conoscere le “successive determinazioni finalizzate alla soluzione del caso, di cui deve essere data comunicazione diretta anche all’esponente”.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui