Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gli imprenditori turistici attaccano Genio Civile ed enti locali: «Impossibile promuovere il territorio»

Lo sfalcio dell’erba lungo il naviglio realizzato a singhiozzo, ville pubbliche abbandonate, ponti mobili che si bloccano al passaggio delle barche e segnaletica praticamente inesistente. «La vocazione turistica della Riviera sembra più una chimera che un reale impegno da parte di Comuni ed enti sovracomunali coinvolti».
È l’amaro commento di Gabriele Baldan, responsabile Gruppo Imprenditori turistici della Riviera e tra i fautori dei premio Riviera Pulita che si svolge ogni anno in concomitanza con la manifestazione simbolo “Riviera Fiorita” a settembre. «I problemi sono tanti e conosciuti da almeno 20 anni, ma le soluzioni non arrivano – denuncia Baldan -. Quello dello sfalcio dell’erba sul naviglio è un esempio emblematico». Qualche settimana fa una processione religiosa con corteo acqueo lungo il naviglio a Oriago di Mira ha raccolto migliaia di residenti e di turisti, ma tutti hanno notato che la riva sinistra del naviglio era stata sfalciata e quella desta aveva l’erba alta oltre un metro. «Il servizio di sfalcio e la manutenzione delle rive del Naviglio è di competenza del Genio Civile – spiega l’imprenditore del Git Riviera – che però ha la responsabilità idraulica e quindi si limita a 2-3 sfalci all’anno, quando l’erba supera il metro: viene tagliata e abbandonata, così imputridisce sulle rive. Le rive invece vengono regolarmente tagliate solo in prossimità dei centri, come Mira e Dolo, solo perché se ne occupano gli addetti comunali. Insomma – prosegue Baldan – nonostante continue riunioni ed incontri, manca una regia unica che abbia come priorità la valorizzazione turistica della zona». Altra nota dolente sono le ville, ed in particolare Villa Widmann a Mira. «È l’unica dimora di proprietà pubblica, della Provincia, oltre a Villa Pisani che però è dello Stato – spiega l’imprenditore turistico – e sta vivendo un abbandono senza precedenti. A parte l’incuria del parco, non ci sono orari fissi di visita e quindi è impossibile indirizzare i turisti. Non parliamo della segnaletica di ville e beni storici, carente da anni e quella vecchia è fatiscente. Il turismo in Riviera è una risorsa

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui