Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Mobilitazione attraverso i social media per salvare dal degrado una Villa levi Morenos. Da qualche tempo soprattutto su facebook molti gruppi legati a Mira e a Oriago si stanno mobilitando invitando gli «amici» a cliccare nel sito internet del FAI – Fondo Ambiente Italiano nella pagina «Il luoghi del cuore». Si tratta di un censimento nazionale, «I Luoghi del Cuore» appunto, promosso dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo, che chiede a tutti i cittadini di segnalare i piccoli e grandi tesori che amano e che vorrebbero salvare. Il complesso di Villa Levi Morenos è stato acquistato dal Comune di Mira nel 1997 per l’equivalente in lire di 1 milione e 478 mila euro ed oggi versa in condizioni pessime. L’Istituto Regionale Ville Venete qualche mese fa è corso in aiuto nell’ambito del Concorso «Ville Venete per l’Europa» stanziando un premio/contributo di 100 mila euro per un intervento urgente sulla copertura del corpo centrale della villa e della «Casa del Caffè» e contemporaneamente il Comune di Mira ha effettuato dei lavori di messa in sicurezza dei soffitti, arricchiti da affreschi al piano terra della villa, eseguendo anche stratigrafie di intonaco per comprendere se e dove ci possano essere altri dipinti per complessivi 18.000 euro. Naturalmente non è sufficiente e secondo l’amministrazione comunale servirebbero 3 milioni e 850 mila euro per recuperare e valorizzare l’intero complesso di villa Levi Morenos. Per segnalare la villa basta un click sul sito del Fai al sito http://iluoghidelcuore.it/luoghi/venezia/mira/villa-levi-morenos/80671.

(l.gia.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui