Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LE CIFRE DI AMBIENTE E ARPAV

Conte: 455 Comuni su 581 oltre gli standard europei, ora priorità al recupero energetico

VENEZIA – Rispetto al 28,4% del 2000, nel 2013 la raccolta differenziata, in Veneto, ha raggiunto il 63%, con ben 455comunisu 581 che hanno superato i parametri comunitari del 65%. «La soluzione vincente», ha spiegato il capo dipartimento regionale dell’ ambiente, Alessandro Benassi «è la raccolta porta a porta; i principali problemi si registrano dove ci sono poca densità abitativa, grossi flussi turistici o nelle grandi città». Un sistema che è stato adottato in 476 comuni su 581, pari al 68% della popolazione, garantendo una raccolta differenziata del 71%. «Lo scorso anno», ha sottolineato il direttore generale di Arpav, Carlo Emanuele Pepe «Ispra ha presentato il Veneto come la prima regione d’Italia, per cui il risultato è comprovato ». Obiettivo, verso il 2020, è quello di raggiungere il 70%, con un uso veramente residuale della discarica, che garantisca l’equilibrio tra impianti e rifiuti raccolti. «I risultati», ha commentato l’assessore veneto all’ambiente, Maurizio Conte «evidenziano il lavoro svolto e sono in linea con gli obiettivi del nuovo piano, che la prossima settimana sarà in audizione in settima commissione, che spero arriverà a breve in aula e che guarda alla riduzione dei rifiuti urbani, a favorire prioritariamente il recupero delle materie, a incentivare il recupero energetico e a minimizzare il ricorso alle discariche, molte delle quali sono già state chiuse negli ultimi anni, prevedendo anche un’ azione di bonifica dei siti in passato destinati a tal fine. Inoltre, il piano intende mettere in rete il sistema del rifiuto urbano e quello dei rifiuti speciali ». Conte ha concluso sottolineando alcuni dati del 2013 rispetto al 2010: la riduzione dell’8% dei rifiuti urbani, del ricorso alle discariche del 53% e l’aumento di recupero di materia del 5,3% (con un ulteriore 10% per quanto riguarda il rifiuto secco.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui