Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Campagna Lupia. Dal mezzo milione del 2013 si passa ai 180 mila euro di oggi

Il sindaco Livieri: «Nessun problema, noi puntiamo soprattutto alla prevenzione»

CAMPAGNA LUPIA – Calano drasticamente le entrate derivanti dall’autovelox di Lova di Campagna Lupia collocato sulla statale 309 Romea. Da circa mezzo milione all’anno di un anno fa si passa negli ultimi 12 mesi a circa 180 mila euro. Insomma le entrate si sono ridotte a circa un terzo di quelle del periodo precedente. A spiegarlo è il sindaco Fabio Livieri. Le multe date dall’autovelox sono state oltre 900 (di cui 800 incassate) per una somma totale appunto di 180 mila euro in dal primo giugno 2013 a giugno 2014. «La polizia municipale » spiega Livieri «mi ha informato che rispetto a un anno fa le entrate sono calate drasticamente. Un po’ è legato alla crisi e un po’ al fatto che la gente ora fa attenzione a non beccare multe, visto che la presenza dell’autovelox ormai è nota». Livieri spiega che anche quest’anno non si è voluto infierire in modo pesante e solo per far cassa. «L’autovelox, come gli anni scorsi è stato acceso solo poche ore alla settimana. Se fosse acceso 24 ore su 24 faremmo incassi di svariati milioni di euro. Si vuole fare principalmente un’azione di prevenzione degli incidenti e sicurezza ». Gli incassi dell’autovelox di Lova quest’anno non andranno solo al Comune di Campagna Lupia, ma al bilancio dell’Unione dei Comuni della Riviera di cui fanno parte Fiesso, Dolo, Fossò e ora anche Campolongo e Pianiga. Gli automobilisti multati sulla Romea sono sia italiani (60 per cento) che straniero (40). Le multe per eccesso di velocità gli stranieri hanno cominciato a pagarle con più frequenza grazie all’attivazione di convenzioni ad hoc soprattutto con Paesi dell’Est europeo.

Alessandro Abbadir

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui