Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

NOALE – Altri problemi ieri per chi ha viaggiato in treno sulla linea Bassano-Venezia. La navetta numero 5775 in partenza alle 9.09 da Noale per Mestre è stata cancellata. I passeggeri sono saliti sui convogli in partenza alle 9.02 o alle 9.26 ma non è la prima volta che capita un disservizio simile. «La navetta era lì ferma alla stazione di Noale» racconta una donna «ma non è mai partita. È una cosa assurda perché non ha utilità. Era meglio che mantenessero il treno delle 7.46, con fermate anche a Salzano e Spinea: la navetta salta spesso». E non si placano le polemiche sul taglio delle corse per l’estate; i pendolari hanno già fatto notare come vi siano dei buchi durante la giornata, specie a Salzano, dove ci sono state delle soppressioni. Il consigliere regionale del Pd Bruno Pigozzo si dice contrariato. «Hanno tolto tutti i regionali ai minuti 9 dalle 7 alle 21 da Noale » puntualizza «e quelli ai minuti 22 dalle 6 alle 20 da Venezia. E poi un altro treno da Venezia a Castelfranco e altri due da Bassano verso Venezia: alla faccia della metropolitana di superficie che secondo qualcuno è partita da dicembre. Le scuole sono chiuse ma la gente va al lavoro. Il presidente Luca Zaia deve dare spiegazioni».

(a.rag.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui