Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

STRA «Bisogna che il marchio certificazione della calzatura “Made in Venezia – Made in Riviera del Brenta” proceda a velocità più spedita. Ad ora non abbiamo notizia dell’identificazione di unente certificatore. Il rischio è quello di presentarsi sui mercati esteri in autunno senza aver fatto concreti passi in avanti contro la contraffazione ». A lanciare l’allarme è il segretario provinciale della Filtcem Cgil Riccardo Colletti: «Il marchio per essere realizzato ha bisogno di passi concreti. Invece finora non c’è stato accordo sull’identificazione dell’ente accertatore. I laboratori clandestini dei cinesi continuano ad esistere in Riviera e se a settembre si fallisce l’appuntamento annunciato con la attuazione del “marchio” il discredito sarà grande sui mercati esteri. Acrib si sbrighi». L’accordo sul marchio punta a risolvere i problemi legati alle delocalizzazioni, la pratica di affidare a laboratori clandestini cinesi parte della produzione (tacchi e suole prevalentemente) sfruttando l’abbassamento del costo del lavoro privo di regole. Produzione e fatturato del comparto calzaturiero si sono confermate nell’ultimo decennio in buona salute: 20 milioni di paia di scarpe e 1,65 miliardi di euro con un export del91 %.

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui