Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CONEGLIANO – (g.p.m.) Riparare le strade e proteggerle dai vigneti con siepi e alberature. È una delle proposte fatte l’altra sera in un incontro della giunta comunale con la popolazione del quartiere collinare di Collalbrigo. Presente anche il Comitato Colli Puri Collalbrigo Respira, con il suo leader Fabio Padovan e altri, che si battono contro l’uso di pesticidi e altri prodotti chimici nella cura dei vigneti per le conseguenze che provocherebbe la loro diffusione sulla salute delle persone. Le siepi salvaguarderebbero coloro che percorrono le strade ai lati delle quali ci sono dei vigneti, che caratterizzano sempre più il paesaggio collinare. Ma a Collalbrigo, circondate dai vigneti ci sono anche due scuole, la elementare Don Marcon e la Pianca School che andrebbero protette. Al di là dei problemi per la salute, per Padovan le case che si trovano dove ci sono vigneti vengono deprezzate e perdono di valore. La soluzione sarebbe l’uso del biologico al posto dei prodotti chimici, incentivandolo chi lo fa. Ma un tecnico esperto presente all’incontro ha sottolineato che non si può imporre a tutti i costi il biologico anche perché i coltivatori indicativamente ci rimetterebbero in sette annate su dieci per le perdite.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui