Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

GUASTI E DISAGI NELLE FERROVIE

CONEGLIANO – «Ferrovia troppo fragile, i sindaci vadano in pressing su Zaia». Il mercoledì mattina nero della tratta Sacile – Conegliano non è passato inosservato ai pendolari che utilizzano il treno per andare a lavorare o studiare a Treviso, Venezia e Padova. In particolare i forti ritardi ai treni per il capoluogo provocati dal guasto all’infrastruttura dovuto al maltempo hanno messo sul piede di guerra gli attivisti del comitato «Il treno dei desideri», che raggruppa i pendolari dell’alto trevigiano. Per molti di loro, infatti, l’orario cadenzato entrato in vigore 6 mesi fa ha riservato la brutta sorpresa della «rottura di carico» a Conegliano, ossia l’addio ai treni diretti dalla montagna per Venezia e la necessità di scendere da un treno e salire su un altro per andare a Treviso e oltre. Mercoledì, per il maltempo, alcune coincidenze sono saltate e i ritardi all’arrivo sono stati all’ordine del giorno. «Assistiamo allibiti alla debacle del sistema ferroviario a causa, pare, delle condizioni meteorologiche» spiega il comitato di cui è portavoce per il vittoriese Diego Tiozzo. «Il treno dei desideri» apre un ragionamento più ampio, che non si ferma al singolo episodio di mercoledì: «è ormai da anni che si verificano puntuali, al primo temporale, criticità a causa della fragilità infrastrutturale del sistema ferroviario veneto – friulano. Al di là di questo, ciò che pare maggiormente criticabile è la totale mancanza di informazione nei confronti degli utenti del treno: nessuna informazione nelle stazioni, né a bordo dei convogli, né da parte del personale».
Tutto questo, secondo il gruppo di pendolari, «rafforza l’idea che il sistema ferroviario del Veneto sia giunto al capolinea.

Luca Anzanello

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui