Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Il neonato comitato di pendolari di Spinea nomina i propri portavoce e stila l’elenco delle criticità. Prima riunione per studenti e lavoratori giovedì sera, i partecipanti hanno scelto come referenti Andrea Pruner e Laura Mazzacapo. Il comitato si è suddiviso in due gruppi: una parte si occuperà di redigere un documento con l’elenco di tutte le problematiche legate al trasporto ferroviario sulla linea Bassano-Venezia, una seconda parte stabilirà invece un contatto diretto con gli altri comitati in modo da adottare una linea comune per far sentire la propria voce con Regione e Ferrovie. «Le problematiche emerse riguardano i pochi treni al mattino e l’assenza dopo le 20.30 di treni che fermano alla stazione di Spinea – fa sapere il comitato -. Inoltre i già pochi treni presenti durante la settimana vengono meno durante il weekend provocando molti disagi per chi lavora a Venezia». I pendolari spingono per un raddoppio del binario nella parte mancante della linea Castelfranco-Venezia, così da poter accogliere il passaggio di più mezzi. «Chiunque voglia può contattarci via mail a comitatopendolarispinea@gmail.com».

(g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui