Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Asl 13, petizione per i due ospedali

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

lug

2014

Domani nelle piazze della riviera

Il comitato Bruno Marcato: «Poli chirurgici sia a Mirano che a Dolo»

DOLO – Domani dalle 10 alle 12 in molte piazze della Riviera del Brenta si terrà una raccolta firme simultanea per chiedere la salvaguardia dell’ospedale di Dolo e dell’Asl 13. L’iniziativa è promossa dal comitato Bruno Marcato della Riviera e da decine di comitati, associazioni, gruppi consiliari del territorio. I gazebo saranno posti a Dolo, via Mazzini angolo duomo; Mira, piazza Municipio; Oriago, piazzetta Italia; Fossò, via Roma; Stra, piazza Marconi; Fiesso, piazza Marconi. «I cittadini», spiega Emilio Zen, coordinatore dell’iniziativa, «potranno recarsi per sottoscrivere una petizione rivolta agli organi regionali in cui si chiede il blocco dell’atto aziendale approvato dal direttore Gino Gumirato, la classificazione dei nosocomi di Dolo e Mirano come ospedale di rete su due poli, lo stanziamento di fondi a suo tempo previsti, i lavori per l’adeguamento del Pronto soccorso e il trasferimento di vari servizi presso gli spazi vuoti dell’ospedale dolese ». La raccolta firme proseguirà in altre date. È possibile firmare infatti alla festa di Sel a Dolo, a Campagna Lupia il prossimo24 luglio in piazza Matteotti mentre a Camponogara e negli altri Comuni i banchetti saranno organizzati nelle prossime settimane. «La petizione», prosegue Zen, «è l’espressione della volontà popolare che non vuol vedere l’ospedale di Dolo declassato, defraudato delle sue funzioni primarie per i 130 mila abitanti dell’area brentana, che pretende garanzie sulla pianificazione globale dei servizi socio-sanitari senza interventi parziali. L’ospedale di Dolo deve rimanere polo chirurgico per acuti al pari di Mirano, perché le sue potenzialità, i suoi spazi, il suo bacino d’utenza, la sua vocazione, la sua storia illustre legittimano l’istanza a pieno titolo».

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui