Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Mira. ennesimo annuncio. 

MIRA – Ora si rasenta il ridicolo. Arriva un nuovo rinvio per l’apertura della bretella di collegamento fra la A4 e la Brentana. L’opera che doveva essere pronta per giugno e poi per il 10 luglio sarà aperta il primo agosto, cioè di sabato, con il rischio che slitti a dopo il 15. «Siamo esterrefatti », dice il comandante dei vigili di Mira, Mauro Rizzi, «la bretella è finita, i collaudi sono stati fatti e tenerla chiusa non ha alcun senso. Anzi il rischio è che la gente ci passi lo stesso o che di notte qualcuno ci faccia delle gare di velocità». Intanto i residenti ammettono candidamente che passano lo stesso: «Anche a me è capitato di trovare la strada aperta», spiega Guerrino Manente per i comitati cittadini di Oriago, «la piccola transenna era stata spostata e tante auto hanno percorso quel tratto». La bretella lunga quasi tre chilometri sulla direttrice dell’ex via Valdarno è opera complementare al Passante di Mestre. Doveva aprire nel 2010. I ritardi sono addebitabili a molte aziende fallite durante la costruzione dell’opera, che alla fine è costata oltre due milioni di euro. Il traffico pesante e di attraversamento sulla Brentana, che ora passa per il centro di Oriago, sarà convogliato sulla nuova arteria.

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui