Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mira. “Distretto sanitario, ecco i soldi”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

lug

2014

Il sindaco Maniero assicura: abbiamo progetto e finanziamenti

MIRA – Distretto sanitario, il progetto e le fidejussioni richieste saranno presentate ai sindaci e al direttore generale dell’Asl 13 il prossimo mercoledì 23 luglio alla conferenza in programma a Mira. Il progetto, ha assicurato il sindaco Alvise Maniero, in queste settimane ha ottenuto anche le garanzie finanziarie necessarie. Per le opposizioni però si tratta di una decisione tardiva che rischia di essere bocciata. Il piano del Comune è quello di portare il distretto sanitario da Villa Lenzi in via Riscossa ad Oriago, nell’area in cui un tempo sarebbe dovuta sorgere la nuova caserma dei carabinieri. Un’operazione che costerà complessivamente un milione e 700 mila euro: di questi un milione saranno recuperati grazie a una convenzione con il costruttore che deve al Comune oneri di urbanizzazione. Gli altri 700 mila euro saranno ottenibili attraverso una permuta di stabili dell’Asl 13 ora in alienazione. Gli stabili da vendere sarebbero quelli dell’ex poliambulatorio a ridosso di Villa Mocenigo a Oriago. La superficie del nuovo distretto sarà di mille metri quadrati; previsti ampi parcheggi. Il direttore generale dell’Asl 13 Gino Gumirato ha chiesto che siano presentate coperture finanziarie sicure per far partire il progetto e il sindaco Alvise Maniero sia in commissione consigliare che in consiglio comunale ha assicurato che si sono trovate. Per il Pd però si è agito da parte del Comune con troppo ritardo. «L’obbiettivo di far restare il distretto a Mira», spiega per il Pd il capogruppo Francesco Sacco, «rischia di non trovare il consenso della conferenza perché troppo affrettato e debole dal punto di vista finanziario. Speriamo che questo servizio territoriale con l’aiuto di fondi regionali possa restare nel più popoloso Comune del comprensorio».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui